giovedì 19 ottobre 2017

The Ladykillers (2004) Il remake che non ti aspetti


Joel ed Ethan Coen nel mio personale vocabolario di cinema sono sempre sotto la voce qualità, questo drago a due teste si è sempre rinnovato col senza mai arenarsi nella dispersione autoriale fine a se stessa. The Ladykillers è stato presentato in concorso al 57º Festival di Cannes e valse a Irma P. Hall il Premio della giuria. Questa pellicola, anche se minore nella loro vasta filmografia, non è un remake del classico omonimo (da noi intitolato La signora omicidi diretto da Alexander Mackendrick e sceneggiato da William Rose)  da cui è ispirato ma più che altro una rivisitazione personale degli autori.



(un Tom d'annata)
La location, la protagonista, l'ironia e i cattivoni cambiano ma in modo intelligente rispetto all'opera originale, sostituendo quindi quella tipica ironia british con quella moderna dei fratelli Coen, l'ambientazione non più a Londra ma nel Mississippi (a Saucier) e di conseguenza l'innocente signora è una afroamericana. Il cast che nell'originale vantava giganti (Alec Guinnes, Peter Sellers, Herbert Lom) viene riproposto con dei grandi e valevoli caratteristi: Tom Hanks (mefostofelico e affabulatore nella caratterizzazione), J. K. Simmons (ironico al punto giusto), Tzi Ma (poche parole, ma tanta recitazione fisica con look quasi dai rimandi Hitleriani), Marlon Wayans (che non stona nel cast, visto che sa essere anche un bravo attore al di fuori delle pellicole demenziali a cui è solito prendere parte), Ryan Hurst (mimicamente azzeccato), Diane Leano (Mountain Girl è già un nome che dice tutto) e Irma P. Hall (perfetta nel suo ruolo) per citare quelli più conosciuti ai quali si aggiungono poi altri attori feticci dei Coen.
(i musicanti poco musicisti)

Geniali e mai troppo dispersivi i dialoghi e il coordinamento degli attori è adatto ai loro strambi personaggi ed alle loro ancora più bizzarre azioni. La rapina perfetta che vogliono attuare non è quella ad una stazione ferroviaria come nell'opera originale ma ad un casinò, che per sviluppo e ideazione può ricordare Criminali da Strapazzo di Woody Allen. Trovata geniale, tipica dei Coen, è l'influenza letterale data alla pellicola i riferimenti a Edgar Allan Poe non sono messi a caso ma con una precisa logica sia dalla poesia che infine al gatto rivelatore.
La regia è di grande fattura sempre ricercata che ben si adatta con la sempre superba fotografia di Roger Deakins che dona un qualcosa in più alla messa in scena scenografica di Dennis Gassner. Carter Burwell, doppio braccio destro dei Coen, alle musiche amalgama tutto come lui solo sa fare con il cinema Coeniano mettendo tutto in alchimia con una serie di pezzi Gospel e musiche di scena molto evocative.
(da notare l'eleganza di Deakins nella scelta della fotografia che strizza l'occhio al noir)

In conclusione se non pur elevandosi rispetto all'altezza delle altre pellicole dei registi ne rispecchia la vena autoriale senza cadere nel già visto o nel fine a se stesso. Rientrando perfettamente nella stilistica Coeniana tra citazioni letterarie argute, personaggi bizzarri dagli atteggiamenti stralunati ed il caso che regna incontrastato insieme a tante incomprensioni tipiche della natura umana.

(sul set sono tutti morti dal ridere)

Menzione d'onore per Tsi Hang (che abbiamo rivisto recentemente in Arrival di Villeneuve) e il suo personaggio simpaticamente caratterizzato e dai rimandi Hitleriani. Un vero spasso.

2 commenti:

  1. Eheh, questo lo vidi.
    Sì, un classico ringiovanito con garbo e la giusta dose di ironia^^

    Moz-

    RispondiElimina
  2. esattamente, grazie anche alle belle prove attoriali fornite dal cast...;)

    RispondiElimina