Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Arte nel cinema: Melancholia di Lars von Trier

  Ophelia (1851-52) by John Everett Millais L'Ofelia di Millai è sicuramente il riferimento più comune quando si parla di Lars Von Trier e delle citazione artistiche. L'opera è stata realizzata nel 1851 traendo ispirazione dall'Amleto di Shakespeare, citata palesemente per il manifesto del film, risulta pure una scena che compare anche per alcuni secondi durante tutto il prologo di Melancholia.

Ultimi post

The Menu (2022) Una cena quasi perfetta di Mark Mylod, come sopravvivere alle pietanze diaboliche di Chef Julian Slowik

Very Bad Things (1998) Cattivissimi noi di Peter Berg

The Last Supper (1995) Indovina chi muore a cena, la commedia nera di Stacy Title

I Love You to Death (1990) Cronaca di un rocambolesco uxoricidio, la commedia nera di Lawrence Kasdan

Le Pacte des loups (2001) Il patto dei lupi di Christophe Gans, la leggenda della Bestia del Gévaudan attraverso il cinema di genere

Bowfinger (1999) Gli intrallazzi di Hollywood, il memorabile duo comico formato da Steve Martin ed Eddie Murphy diretto da Frank Oz

8MM (1999) Il talento di Joel Schumacher nel genere thriller, un'indagine nel morboso e perverso mondo degli snuff movie

Parlando di cinema: La commistione di generi tra Horror e Western classico

Leaving Las Vegas (1995) Ebbrezza e masochismo a Las Vegas, Nicolas Cage ed Elizabeth Shue in stato di grazia per Mike Figgis

Cattivi preferiti: Jared Nomak

Cutthroat Island (1995) I pirati dei Caraibi di Renny Harlin, la pecora nera del genere piratesco a Hollywood

Parlando di cinema: L'uso da manuale del voice-over nei film di Martin Scorsese

Cattivi preferiti: Tigrero

Cattivi preferiti: Charlie Prince