lunedì 3 dicembre 2018

Wolfman (2010) Il licantropo di Joe Johnston

Nel vuoto produttivo che è Hollywood negli ultimi anni, si opta pur di battere cassa, anche il far rivivere personaggi leggendari e mai dimenticati come "L'uomo lupo". "Wolfman" è un remake diretto del classico di George Waggner datato 1941, con Benicio Del Toro (anche produttore) che prende il ruolo di Lon Chaney Jr. Nessun tentativo di mordenizzare o fare gola ai giovani, una messa in scena tranquilla, a cui manca il gusto di rischiare come nella visionarietà barocca di un Coppola ("Dracula di Bram Stoker") o nel grand guignol di Branagh e il suo "Frankenstein". A furia di non aspettarsi ormai quasi niente per non dire il peggio, è normale accontentarsi. E' il caso di Wolfman, un film letteralmente massacrato nel 2010. La buona cosa è che di certo Wolfman non e un bel film, ma non è neanche un disastro in piena regola. Nelle mani del buon Joe Johnston (Tesoro mi si sono ristretti i ragazzi, Jumanji e Jurassic Park 3), che rimpiazzò Mark Romanek, questo "Wolfman" si conferma un costoso (150 milioni di dollari) b-movie: rapido, semplice, divertente (la fuga dal manicomio in questo è una scena riuscitissima), dalla vena violenta e gore con un gusto retrò nel rinunciare alla CGI per affidarsi ai trucchi e al make-up dell'esperto Rick Baker (che si prenderà pure un Oscar per il trucco in questo suo lavoro). Quindi nonostante i difetti, Joe Johnston ha realizzato un film tradizionale, senza contaninazioni action moderne (vedasi Underworld), con l'intento di rispolverare una storia classica che ha fatto la storia dell'horror, non infangando la tradizione.
La sceneggiatura scritta da A.K. Walker porta la firma anche di David Self, il plot è molto superficiale, viene riproposto tutto quello che già sappiamo sui lupi mannari: il rapporto tra la bella e la bestia, il conflitto tra scienza e paranormale e l'annunciata tragedia finale. Manca l'ironia o modernizzazione (cose che si possono trovare tranquillamente nei film di Dante, Jordan e Landis per il genere), la medesima critica che si potrebbe muovere a "La leggenda di Sleepy Hollow" (lo sceneggiatore è lo stesso Andrew Kevin Walker), altro tentativo di rendere omaggio al filone gotico. Solo che in quel caso c'era il selvaggio e miracoloso talento visivo di Burton a fare da collante e a sopperire alle mancanze dello script. Molte delle perplessità sono rivolte a quello che doveva essere l'elemento fondamentale, ossia il protagonista. Benicio Del Toro recita sul filo del rasoio tra l'essere fuori parte e la poca foducia del lavoro svolto.
Guardando gli altri attori, con Anthony Hopkins si migliora, nonostante il suo gigioneggiare così tanto. Meglio l'istrionismo di Hugo Weaving che funziona molto meglio. Ma la sorpresa è per Emily Blunt, relegata in un ruolo piuttosto superficiale e stereotipato, diventa la colonna portante di tutta la pellicola. Insomma, una pellicola sicuramente migliore che tutto sommato non è il disastro tanto acclamato dalla critica statunitense, ma senza dubbio di questa ennesima variazione sul tema del licantropo non se ne sentiva il bisogno. Le miglior lodi comunque spettano senza dubbio al lavoro svolto da Rick Backer per il trucco, alla bellissima colonna sonora conposta da Elfman ed alla fotografia sempre azzeccata di Shelly Johnson che ben si sposa con le scenografie storiche fatte da Rick Heinrichs. Ultima menzione per i bellissimi costumi elaborati da Milena Canonero.

6 commenti:

  1. Anch'io lo ricordo non malaccio..gli effetti speciali sono ottimi, e in più c'è un bel colpo di scena finale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po' chiamato forse ma sicuramente non così scadente come hanno detto in molti. Buon inizio settimana!

      Elimina
  2. Ce lo aveva mia sorella in DVD, ricordo di aver provato a guardarlo per 3 o 4 volte ma poi interrompevo la visione. Mi spiace perché da quel che leggo non è poi così da buttare. A me non dispiacciono i film che eseguono il loro compito di semplice intrattenimento.


    p.s. ti ho nominato per una tag 😝
    https://emanueledigiuseppe.blogspot.com/2018/12/tag-il-natale-del-passato-del-presente.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto sommato fa il suo, peccato che non abbiano rischiato qualcosa di più.

      Elimina
  3. Non un disastro certo, però difficilmente lo rivedrò ;)

    RispondiElimina