Arte nel cinema: Carrie di Brian De Palma

Study for Lady Macbeth (1851) di Gustave Moreau


Precursore di Simbolismo e Surrealismo intrisi di misticismo, celebre esempio dell’estetica del decadentismo, Gustave Moreau si spense a Parigi il 18 aprile del 1898. Pittore molto amato da Marcel Proust, lo scrittore lo definirà come “l’uomo che dipingeva i suoi sogni”. Spirito eclettico e raffinato, profondamente colto, fu forse il più "letterato" tra i pittori francesi dell'Ottocento. La sua pittura si ricollega alla tradizione di J.-D. Ingres e Th. Chassériau, ma risente di sottili ricerche sullo stile e la tecnica dei quattrocentisti italiani. Le sue opere più notevoli (Il Cantico dei Cantici, 1853; Giasone e Medea, 1865; Orfeo, 1866; Prometeo, 1869; Salomè, 1876) sono per diversi aspetti affini a quelle dei preraffaelliti inglesi, ma nascono per lo più da un'ispirazione pagana e sono piene di sottile sensualità.

Commenti

Quello che tira di più