Jeepers Creepers (2001) Il canto del diavolo

Inizio la mia classica maratona Horror del mese di Ottobre con Jeepers Creeper, uno di quei film horror fine anni Novanta/inizio Duemila che nel loro essere anacrostici per forma e contenuto avevano qualcosina da dire. La storia ruota attorno ad un mostro pipistrelloso volante divoratore di persone, che va in giro con il suo camioncino e si sveglia ogni 23 anni un specie di IT insomma. Jeepers Creepers riusciva ad avere senso per la sua durata, il primo film (della trilogia) è decisamente valido, gett le basi e funzionava benissimo creando il mito attorno alla sua figura. Da notare oltretutto come il Creeper incorpori volutamente (o meno) varie figure di spicco del panorama horror americano, potrei descriverlo come un misto tra il fumetto Shadow (molti si ricordano il film di Baldwin ma fu anche proposto da Dante in un episodio della serie Twilight Zone), un aspetto che richiama vagamente i Gremlins di Dante è una sottile vena ironica nei suoi comportamenti che richiama Freddy Kruger del buon Wes Craven.
Salva è il classico regista con un grande occhio per le inquadrature classiche e poco coraggio per il resto, per cui alterna gli immancabili campi lunghi poetici che servono a far respirare il film a dialoghi tremendi tutti inquadrature strettissime e campocontrocampo come nelle migliori fiction tv. È il tipo che usa il buio per mascherare le sequenze più potenzialmente confusionarie ma che poi azzecca l’esplosione o la morte violenta e si fa perdonare tutto. Quantomeno fa tutto con amore, la creatura è la sua dopotutto, e sa circondarsi di gente che si diverte quanto lui a girare film. Non ci si può che affezionarsi a questo film anche se non ha nulla da dire se non su se stesso. Il ritmo narrativo si può scindere in due parti: quella in cui il Creeper non entra in scena e quella in cui il Creeper entra in scena. La prima parte è la più riuscita in cui mistero, tensione e una dinamica narrativa ansiogena tengono il passo (regalando pure qualche citazione al Duel di Spielberg) il tutto ottimamente orchestrato dalla regia, nonostante dialoghi abbastanza dispersivi.
La seconda parte regala il Creeper con tutta la violenza ed esplosione di cannibalismo selettivo, nonostante i cliché del genere aumentino in modo sconsiderato: immancabile la vecchia pazza gattaia con tanto di fucile che minaccia di andarsene dal proprio giardino. Comunque dal lato tecnico gran merito va alla ottimamente ispirata fotografia di Don E. FauntLeRoy ed anche alla casa degli orrori messa in scena dallo scenografo Steven Legler. Il cast è tutto funzionale alla trama, la coppia protagonista formata da Justin Long e Gina Philips regge bene il gioco con buone prove ed infine Jonathan Breck incarna divinamente il mostro protagonista.

Commenti

  1. Un horror abbastanza sottovalutato, ma che a distanza di anni riesce brillantemente a reggere ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si se la cava abbastanza! In particolare per le citazioni ai classici nella prima parte.

      Elimina
  2. Alla prima visione, l'anno dell'uscita al cinema l'avevo odiato. Rivisto oggi ha il suo perché. Peccato che i sequel non siano all'altezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh dai il secondo è più uno slasher movie con i teenagers serviti su un piatto. Ma il padre vendicativo mi piaceva molto.

      Elimina
  3. Visto al cinema, sono uscito dalla sala confuso, mi era piaciuto e non mi era piaciuto allo stesso tempo. L'ho rivisto di recente e concordo con te, riuscita la prima parte, si perde sulla seconda.
    Avrei preferito il classico psicopatico al demone.
    Comunque in quegli anni andavano forte gli horror on the road. Meglio Radio Killer, anche se è un ibrido horror-thriller.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Radio Killer era molto carino, oltretutto quel maniaco che staccava mandibole e continuava a ripetere caramellina risultava fantastico.

      Elimina

Posta un commento