The Return of Living Dead (1985) Una risata li disseppellirà tutti

Rimaniamo sempre negli anni 80, ma ben lontani da Romero (ma non poi così tanto visto che il soggetto e parte della sceneggiatura sono per mano di John A. Russo la seconda mente della Notte dei Morti Viventi) per far capolino alla corte di un lungometraggio molto rinomato nel genere ovvero The Return of Living Dead. Il regista (e co-sceneggiatore) è Dan O'Bannom, famoso per le sceneggiature di Dark Star (John Carpenter, 1974), Alien (Ridley Scott, 1979) ed Atto di forza (Paul Verhoeven, 1990), che prese il posto di Tobe Hopper (occupato sul set di Space Vampires). Il film detiene il merito di aver sdoganato due particolari sfaccettature di questo filone horror: in primis il genere della "zom-com" (commedia-zombi) consacrato da L'alba dei morti dementi (Edgar Wright, 2004) e secondo film delineò in maniera definitiva il genere di zombi iperveloci e aggressivi, protagonisti di svariate pellicole come il precedente Incubo sulla città contaminata (Umberto Lenzi, 1980) e il successivo 28 giorni dopo (Danny Boyle, 2002). Quindi a differenza dell'ormai popolare George Romero, che ha sempre presentato tale tematica con uno spirito crudo e maturo, O'Bannom punta sul retrogusto leggermente ironico e sul ritmo continuamente incalzante dettato dalla buonissima sceneggiatura e dalla regia ben curata. La spettacolarità del film è dosata nel modo giusto dal regista che riesce sempre a mantenere durante tutto il film nonostante rincorra la parodia/comicità, la pellicola non sfocia mai direttamente in quei generi mantenendo il velo da horror movie.
La trama è molto semplice: due persone in un obitorio aprono per sbaglio un contenitore avente un gas che resuscita i morti (Trioxina 204) e dovranno fare i conti con un intero cimitero che riprende vita. Questa pellicola tra gli innumerevoli film nati sulla scia della Notte dei morti viventi (che viene esplicitamente citato in segno di ironica filiazione e, insieme, di divertito distacco), Il ritorno dei morti viventi è uno dei più originali e immeritatamente (in Italia) sottovalutati. Il regista sviluppa la macabra vicenda secondo il meccanismo di un gioco al massacro, avanzando, con l'arma della satira, serie perplessità sull'efficienza dei sistemi di sicurezza americani preposti alla salute pubblica e sulla rozza strategia del potere che mentre fronteggia i danni ne provoca altri maggiori. Il pretesto fantascientifico si riallaccia, qui, al filone catastrofico delle alterazioni ambientali, convenientemente tenute segrete al grosso pubblico, provocate da illeciti esperimenti militari o scientifici.
In ultimo non si possono che citare l'ispiratissima colonna sonora carica di brani punk/rock che andavano in quella particolare decade stilistica che sono gli anni 80, ma anche di scene diventate culto: come il cane dissezionato zombi o gli zombi che attuano delle divertentissime trovate per aver più prede partendo dai posti di blocco (con tanto di paletta e cappello) passando per le chiamate di poliziotti (Send more cops!) e infermieri ed infine l'originalità del trucco ad opera di Wendy Hogan e William Munns uniti agli ottimi effetti speciali vecchia scuola di Kevin McCarthy e Robert E. McCarthy. Bellissimo poi il cast tutto ben immedesimato nei ruoli stereotipati del giusto in cui spicca una Linnea Quigley che per la messa in scena delle sue grazie è diventata un instant cult del genere.


Commenti

  1. Lo ricordo più divertente che spaventoso, per le meravigliose trovate inserite.. certamente è da vedere in compagnia per farsi 4 risate!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Difatti è uno spasso bello e buono, ma con gran carisma

      Elimina
  2. Ti leggo proprio il giorno in cui ho parlato di Romero con un mio amico. Blog davvero interessante: la rubrica sui cattivi preferiti è una meraviglia! Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, fa piacere leggere questo. Ne vedrai un bel po' di cattivi!

      Elimina
  3. Ammetto di non averlo mai visto, tuttavia dopo Dead Snow ho voglia di riscoprire altri film simili, perciò prima o poi spero di imbattermi in questo quando comincerò un riepilogo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è il capostipite del genere, non ne rimarrari di certo deluso

      Elimina
  4. Mannaggia a te che cosa hai tirato fuori, l'ho visto molti anni fa questo film, ma mi ha divertito tantissimo, trash allo stato puro, qualcosa di veramente pazzesco.

    RispondiElimina
  5. Rivoluzionario nel suo essere così semplice, in quasi tutto il film regala delle parti veramente degne di nota

    RispondiElimina

Posta un commento