The Strangers (2007) L'home invasion di Bryan Bertino

Continuando la mia (macabra) maratona tipica di Ottobre oggi tocca a The Strangers, pellicola scritta e diretta da Bryan Bertino (basata su un paio di fatti accaduti nella sua infanzia, cioè delle case svaligiate) prodotta da: Rogue Pictures, Intrepid Picturres, Vertigo Entertainment e Mandate Pictures e che nel cast creativo contava la partecipazione di Peter Sova alla fotografia e tomandandy (si scrive proprio così) alla colonne sonora. Bertino ebbe la sfortuna di uscire poco dopo Them dei francesi Palud e Moreau e il remake shot for shot da parte di Haneke del suo Funny Games: due pellicole di molto superiori. Con quei due film The Strangers ha diversi tratti in comune ma dalla sua parte evoca lo stile slasher (alla Carpenter/Craven) ma in una forma volutamente inespressa ed incompleta, così come uno stile singolare nella gestione dei tempi e della tensione. Il tutto insieme ad un messaggio di fondo spietato e nichilista. The Strangers (dopo l'incipit) introduce Kristen (una sempre bella e brava Liv Tyler) e James (uno stranamente impacciato Scott Speedman) in un momento molto delicato della loro relazione. La tensione tra i due protagonisti si fa subito sentire, dato che si muovono per la casa come fantasmi evitandosi. Ad un certo punto una misteriosa ragazza bionda bussa alla porta, chiedendo se tale Tamara è in casa. Il suo volto è celato nell’oscurità: “Ci vediamo dopo” dice allontanandosi.
Tutto ciò che segue prende la forna di una macabra e torbida allucinazione: i colori caldi delle pareti rafforzati dal fuoco che arde nel camino, i colpi contro la porta addirittura il fonografo che suona My First Lover che continua ad andare in loop sul motivetto “quicksilver girl”. Kristen diventa immediatamente vittima dei mind games. L’home invasion, secondo una regola non scritta, è tanto più fastidioso proporzionalmente al non insorgere della violenza fisica ed il filn riesce nel trasmettere questo allo spettatore. I tre violenti sconosciuti altro non sono che agenti del caos, nichilisti che vedono nella violenza su due ignare vittime come una scelta presa a casaccio, giusto “perché erano in casa”. Il disordine che portano, e che Bertino intende sempre sottolineare, è il sonno della mente: subire e non capire. Un disordine che porta i due protagonisti a non distinguere più chi si celi dietro gli angoli della casa e che porterà anche a tragiche conseguenze quando James tenterà di abbozzare una minima reazione. Infine la resa dei conti, dove lo slasher viene tradito definitivamente: il supplizio della carne non viene mostrato ma crudelmente sottinteso. Le urla di Kristen risuonano nella stanza, il suo volto straziato dal dolore psicologico e fisico sono gli unici elementi di un quadro dell’orrore che lascia tutto all’immaginazione dello spettatore. Lasciando spazio per un inaspetatto colpo di scena che chiude la circolarità narrattiva iniziata nel incipit. The Strangers sembra adottare volutamente le regole del codice Hays, a quando si doveva atterrire senza far vedere. “Sarà più facile la prossima volta” dice Pin-up Girl mentre si allontana in macchina con i suoi complici.
In conclusione quindi ci troviamo davanti ad un film che non dice nulla in più al genere a cui appartiene, questo lo si nota visti gli 11 anni dalla sua uscita, ma che però grazie ad un saggio uso dei topos (e non) del'home invasion sa mantenersi solido su se stesso e compatto nel ritmo narrativo.

Commenti

  1. Visto al cinema quando era uscito, mi aveva angosciata davvero tantissimo e non l'ho mai più rivisto. Il secondo è un po' più "esagerato" ma mi è piaciuto parecchio.

    RispondiElimina
  2. Mio fratello lo vide al cinema e si spaventò sopratutto per il sonoro, lo vidi alla tv mi spaventò zero, tuttavia è un film che riesce tutt'oggi a rimaner impresso ;)

    RispondiElimina

Posta un commento