giovedì 26 ottobre 2017

Awakenings (1990) Le cose che contano

Penny Marshall dirige questo efficace dramma clinico (il suo miglior film), la cui sceneggiatura è firmata dal grande Steven Zaillian che a sua volta è basata sui ricordi e l'esperienza del neurologo britannico Oliver Sacks (chiamato Malcolm Sayer nel film) raccolte in un suo libro omonimo. Sacks nel 1969 applicò un farmaco sperimentale che, normalmente, veniva usato per i malati di morbo di Parkinson (l' L-dopa, una dopamina sintetica) sui sopravvissuti dell'epidemia di encefalite letargica scoppiata dal 1917 al 1928. Il risultato fu stupefacente i pazienti si risvegliarono dal loro stato catatonico in perfette condizioni ritrovandosi cosi catapultati nella realtà.


Di base si può definire un film confezionato apposta per l'Academy, ma questo non deve far sviare dallo sviluppo narrativo, il tipico: Evento drammatico/ Soluzione/ Ritorno al dramma perché tale escalation non era molto tipica al tempo e quindi surclassa le tipiche mancanze date da un prodotto drammatico dai tratti buonisti perché non rientra in tale definizione almeno non ampiamente. La regia non è ricercata ma solida che ben interagisce con la fotografia di Miroslav Ondricek e la bellissima colonna sonora di Randy Newman. Punto focale della sceneggiatura non è l'introspezione clinica (un vero peccato, il film ne avrebbe guadagnato) ma il duetto tra due grandi attori come Robin Williams e Robert De Niro i quali s'immedesimano con una naturalità estrema (De Niro molto credibile ed intenso nella fasi catatonico/normale/schizofrenico e Williams perfetto nella sua pacatezza medica) nelle loro parti e reggendo i tempi come solo due professionisti come loro sapevano fare.


(I pilastri sui quali si regge tutto il film, non scherzo)
Il resto del cast regge e fa da supporto degnamente da citare in particolare: il supporto di Julie Kavner e John Heard,  purtroppo la bella Penelope Ann Miller risente del limite impostogli dal suo personaggio nella sceneggiatura (troppo forzata nella storia in quanto buonismo a buon mercato) ma comunque credibile, senza contare poi ospiti d'eccezione come Max von Sydow ed l'artista jazz Dexter Gordon senza contare poi le comparsate di Peter Stormare e di un Vin Diesel che era ancora lontano dall'uomo d'azione e testosterone del 2000.



(Un cast interessante tra comparsate e attori)

Penny Marshall alla camera di "Risvegli" è faticosamente criticabile; i film che nascono su apposite argomentazioni sono da premiare, passi pure qualche (presunta) diramazione retorica. Se proprio vogliamo trovarci delle critiche si potrebbe dire che è un po' troppo retorico, come ho citato prima, e che la seconda parte della storia è stata sfruttata molto meno della prima. Non siamo quindi alla poesia di "Qualcuno volò sul nido del cuculo" ma resta comunque un film che ha molto da dire e diciamo pure da insegnare, a tratti zuccheroso e strappalacrime come da regola (in ogni caso meno della media), ma anche toccante e profondamente umano; in opere del genere, questo è quello che conta di più.

  ( Dici bene Bob, dici bene )

Nessun commento:

Posta un commento