lunedì 23 ottobre 2017

W. (2008) American Idiot


Diciassettesima pellicola del Maestro Stone e terza nella quale viene affrontato come personaggio l'uomo più potente Americano, in questo caso il 43º presidente degli Stati Uniti d'America. La sceneggiatura scritta da Weiser di certo risente dell'approccio al cinema di Stone, in particolare questo lo si sente nei dialoghi come per il briefing pre-invasione all'Iraq. Il primo aggettivo che mi viene in mente pensandoci è "genuino". A Stone non interessa altro che raccontare quello che pensa e quello che sa. Punto. Mi sembra logico che a qualcuno non possa piacere, quindi. Una grande presa in giro nei confronti dell'ex presidente degli Stati Uniti, una bella satira che non si risparmia punte di empatia (e compatimento). Come letto nei suoi commenti (in cui pure si è citato con la scena dell'iniziazione di Yale) quello che vuole mostrare regista è il lato umano di questo personaggio della storia recente ma anche esprimere la propria teoria sulle azioni compiute da esso in quel periodo. Stone comunque non perde troppo tempo nel mettere in mostra le scelte fatte dalla tanto famigerata amministrazione, mettendo in mostra le azioni compiute volontariamente ed involontariamente dal protagonista, su tutte le scene da citare il "discorso" di Bush dopo la fuga di notizie sulla realtà delle prove presentate per muovere guerra all'Iraq.


(Una delle scene più importanti viene ben organizzata da Stone sia per regia che per dialogo, senza tralasciare nulla)

Il film può esser giudicato come critica o anzi come una satira agrodolce visto come si sono sviluppati gli eventi nella realtà. La pellicola soffre nel montaggio atipico del duo Julie Monroe & Joe Hutshing, i quali pasticciano troppo con i salti temporali facendo cosi perder la connessione narrativa dei dialoghi, per dirla tutta si salta dal palo in frasca. Però la fotografia e la scenografia ad opera di Papamichael e R. Hill aiuta molto la dimensione diegetica della pellicola rendendola reale ma non teatrale. Il vero punto forte della pellicola è il cast, una grande Brolin qui chiamato in ruolo sia semplice che difficile visto il personaggio, ma anche le prestazioni della restante parte del cast come la Banks, Cromwell, Wright & Dreyfuss è altrettanto degna di citazione visto il loro lavoro di caratterizzazione che non è poi cosi stereotipato. La colonna sonora di Paul Cantelon è molto particolare ed è anche una nota positiva in più al film.


(Il governo Bush, rispecchiato da una delle più interessanti scelte di casting fatte dal regista che mette assieme un gruppo di caratteristi motivati nonostante il film non splenda più del dovuto purtroppo)

Il biopic del 43esimo presidente degli Stati Uniti d'America appare quindi più goliardico che realmente introspettivo ed a livello di regia ben poco viene evocato, come se lil contenuto della sceneggiatura avesse soddisfatto pienamente il regista, piuttosto che farlo dipanare in una delle sue campagne di sviluppo storico-politico, ma W. resta comunque una pellicola dove Oliver Stone mette in risalto una documentazione che passerebbe inosservata e denuncia l'atteggiamento di un presidente istintivo e reazionario, che ha fatto leva sulle paure intestinali degli americani per vincere le elezioni e giustificare i suoi piani di invasione, ed il coraggio che dimostra nel ritrarre i rapporti familiari, a quanto pare confermati dallo stesso Bush Junior, e la totale impreparazione ed incapacità di quello che è stato governatore del Texas per cinque anni e presidente degli USA per otto, è sicuramente da ammirare. Facente parte del trittico presidenziale di Stone, iniziato con lo straordinario JFK e passato poi al più che degno di menzione Nixon, l'atto finale purtroppo rispetto ai primi due capitoli risulta comunque privo di un vero mordente e di una ricercatezza registica che in passato aveva dato modo di mostrarsi più sapientemente

Nessun commento:

Posta un commento