lunedì 4 dicembre 2017

Murder by Death (1976) Invito a cena con delitto


Murder by Death risulta una semisconosciuta (ai più) pietra miliare del cinema, è una commedia arguta, irresistibile, gustosa in ogni scena, geniale nella caratterizzazione dei personaggi e nei dialoghi: ogni battuta è una perla. Interpretazione superlativa da parte dell'intero cast, ma la prova dell'ingiustamente dimenticato James Coco nei panni dello stereotipato investigatore "belgioso" e di Peter Falk nella parodia del detective rude che non deve chiedere mai sono assolutamente inarrivabili. Uno dei rari esempi di commedia che sa essere esilarante solo con l'intelligenza e la classe degli interpreti e dei dialoghi, senza ricorso alla volgarità o alle solite gag trite. Alec Guinness (originariamente il ruolo sarebbe dovuto andare ad Orson Welles), in particolare, nella parte del maggiordomo cieco, diede il meglio di sé lavorando alacremente al film mentre, durante le pause, studiava lo script di Star Wars.



Peter Falk ,alias Sam Diamond, è straordinario nella copia paradossale di un Bogart d'annata. Il suo cinico e brutale pragmatismo americano si scontra con la raffinata flemma britannica di uno strepitoso David Niven durante dialoghi in cui intelligenza ed umorismo si compenetrano in un gioco ironico davvero irresistibile. E infine lui, Peter Sellers, che nei panni di Wang, ci diverte con le sue stucchevoli massime orientali (quella della "vacca sul muro" è ormai un must) enfatizzate da deliziosi storpiamenti grammaticali. Ciliegina sulla torta l'ingresso nel cast, nella parte del miliardario Lionel Twain, dello scrittore americano Truman Capote (nella sua prima e unica apparizione cinematografica), che con ironia se la cava dignitosamente. Anche il regista Robert Moore, veterano di Brodway, è al suo felice debutto sullo schermo, coadiuvato per l'intera lavorazione dall'onnipresente sceneggiatore Neil Simon. Dopo la sua uscita nel 1976, infatti, era sufficiente cogliere anche solo una frase citata dal film per riconoscerlo immediatamente e ridere di gusto. Questa fortuna capita solo alle opere cinematografiche destinate ad ergersi a veri e propri cult movie. Difficile, però, oggi dire se la fama della parodia di Robert Moore, tratta da una piece teatrale di Neil Simon, abbia avuto col tempo la stessa sorte del più conosciuto "Frankestein Junior", uscito due anni prima. Probabilmente il film di Mel Brooks vince in popolarità e fama rispetto a quello scritto dal grande commediografo brodwayiano, nonostante l'originale "Murder by death" rappresenti per molti una perla di raffinato umorismo sempre piacevole da rivedere, e per gli afecionados un vero e proprio film feticcio.



Quando è uscito, contrariamente alle aspettative dell'autore, fu acclamato da critica e pubblico. A distanza di molti anni resta un fulgido esempio di umorismo accattivante ed elegante, che non sfocia mai nella volgarità, anche auto-ironico con una finale strizzatina d'occhio al suo pubblico. Peccato resti un cult movie di "nicchia". La forza comica della storia sta tutta nella deliziosa parodia degli investigatori più popolari della letteratura gialla: Hercules Poirot, Sam Spade, Charles Chan, Miss Marple e Nick Charles. Ognuno di loro è umoristicamente caratterizzato nei propri stereotipi dalle corrispondenti caricature: Milo Perrier, Sam Diamante,Sidney Wang, Jessica Marbles e Dick Charleston. Ciascuno di loro arriva al castello accompagnato da una persona: escamotage brillantemente concepito dallo sceneggiatore al fine di attribuire una spalla per le fulminanti battute dei protagonisti. E così i duetti comici fra il cinese Wang e il figlio giapponese, tra Sam Diamante e l'amante segretaria, per citare i più esilaranti, come anche le battute, che il gruppo dei dieci al completo si rilancia a vicenda con un sincronismo ineccepibile nella sala da pranzo, non tradiscono la vena comica di Neil Simon, né la sua impronta teatrale più che cinematografica.



Purtroppo del cast originario non è rimasto in vita quasi nessuno. Però James Cromwell e Maggie Smith sono ancora in circolazione.

3 commenti:

  1. Devo assolutamente commentare per dire che sono felice di vedere questo post su uno dei miei film preferiti di sempre.
    L'ho visto la prima volta che ero alle elementari e ridevo per giorni al ripensare alle sue battute. Quando poi ho avuto la vhs, l'ho visto e rivisto e rivisto...
    Diamante questa volta brillante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' impossibile che si ripeta un film del genere: vuoi per gli attori, vuoi per l'atmosfera certe cose sono improponibili nuovamente con lo stesso vigore. Questo film è geniale e genuino...grazie per la visita!

      Elimina
    2. E' un film recitato in maniera "sottile". Oggi si tende a strafare, a sovrarecitare e ad accelerare il ritmo temendo forse di non catturare l'attenzione degli spettatori.
      Di niente :)

      Elimina