sabato 2 dicembre 2017

Oldboy (2013) Il remake controverso di Spike Lee


Che dire di questo prodotto, sinceramente nella testa mi erano balenate tre differenti pellicole: la prima riguardava un mero film su commissione (o suicidio stilistico di Spike) fatto giusto per mancanza d'idee da parte di Hollywood, la seconda era più una sorta di ripicca da parte di Spike verso Quentin dato che era un film che voleva essere realizzato da quest'ultimo (usando per di più anche un suo attore feticcio ovvero Samuel) e la terza infine un esercizio di stile da parte di Spike Lee come era successo per Infernal Affairs diventato poi The Departed negli USA. Il risultato dopo la visione è un mix delle tre varianti citate prima, ovvero ci si trova davanti ad una pellicola elaborata in modo interessante da parte di Spike Lee con tutti i suoi stilemi di cinema (dalle riprese fino ai temi politici/razziali, anche se in sottofondo) con dei ben immedesimati Brolin, Copley e la Olsen (che addirittura ci concede un nudo) e senza scordarsi Samuel, da citare pure la presenza di Remi Malek e Pom Klementieff. Ad aggiungersi a queste note positive però ci si trova a parlare della sceneggiatura di Mark Protosevich (Io sono leggenda,Thor, The Cell), che si ricalca il film originale con qualche sottile differenza ma non poi cosi radicali ma che però sembra anche perdersi nella citazione del film/manga stesso. Pur non a livello dell'originale questo "Oldboy" è una pellicola dignitosa, ben strutturata, sicuramente semplificata per il mercato occidentale. E' questa la maggior accusa che le si potrebbe rivolgere: si perde in coinvolgimento, in poesia, le emozioni sono più primitive, meno stratificate.


Josh Brolin è bravo ma non vale Choi Min-Sik; l'alienazione, la rabbia, l'inadeguatezza e la sete di vendetta sono ammorbidite da un plot in cui si preferisce affastellare episodi inerenti l'indagine tralasciando maggiormente gli stati d'animo del protagonista, in questo caso sostituiti da un impianto investigativo sicuramente solido e zeppo di violenze assortite, tuttavia anche in questo caso molto meno efferate rispetto all'originale. Spike Lee modifica la sceneggiatura e perde qualcosa, esce sconfitto anche da un'immaginaria gara di virtuosismi registici, ma non per questo il suo lavoro delude. L'ago della bilancia pende sempre dalla parte di Park Chan-Wook tanto per capirci basterebbe raffrontare il piano sequenza della mega rissa, tuttavia la pellicola incuriosisce, è ben girata, adatta soprattutto agli amanti del thriller e a chi non conosce l'originale. Ricordatevi che poteva andare peggio ci potevamo beccare un film diretto da Spielberg e impersonificato da Will Smith ed ho detto tutto.

4 commenti:

  1. No, molto meglio l'originale, questo remake non voglio neanche vedere, anche perché qui Brolin proprio non c'azzecca...non male invece la ragazza.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È stata la più grande sorpresa di questo film...oltretutto si è concessa una scena MOLTO spinta...tutte le fortune a Brolin non gli bastava aver sposato Diane Lane.

      Elimina
  2. Io voglio che Avengers Infinity War si concluda con Thanos (Brolin) e Scarlet Witch (la Olsen) che fanno la stessa scena! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe la fine...immagino gli spettatori in sala, esaltazione maschile ai massimi livelli storici!...scherzi a parte, non immaginavo che la Olsen si sarebbe prestata ad una scena così spinta..sembrava una ragazza molto pudica!

      Elimina