mercoledì 13 dicembre 2017

Wes Craven's New Nightmare (1994) L'ultimo incubo di Wes Craven

Comincerò dall'ultimo, visto che preferisco procedere a ritroso certe volte. Diretto da Wes Craven, il film è palesemente una critica all’ovvietà, al modo in cui la sua creatura è stata deteriorata dai suoi vari seguiti, finita in mano a registi e sceneggiatori senza scrupoli. Come accadde nel lontano 1984, Wes Craven annichilisce tutti gli spettatori costruendo una storia priva dei banalissimi ragazzi che si sono rivelati la fortuna della serie, e in un contesto metafisico inserisce attori veterani alle prese con un demone in persona, reincarnatosi nella figura di Freddy, con qualche elemento distintivo variante (cappotto nero, make-up più marcato nei lineamenti, una sorta di mano mostruosa dotata di artigli, più che un classico guanto).
Lungi da essere il solito sequel: possiamo classificare "Nightmare - Nuovo Incubo" come un capitolo a parte, a se stante che si discosta dagli stereotipati canoni della serie, che dividerà in due immensi tronconi, pubblico e critica. Questi ultimi risulteranno estasiati dall’opera Craveniana, riconoscendone la classe indiscutibile e le metafore di cui è pregno. Il pubblico invece ancora oggi si avvicina con titubanza alla pellicola, un pò perché dispiace vedere Freddy rinunciare alla sua loquacità e vedersi annullata una sfilza di seguiti e telefilm, degni tributi ad un’icona da urlo; un pò perché chi non ha mai visto un "Nightmare", avrà serie difficoltà a comprendere al meglio la storia.
“A nightmare on Elm Street” è un film immortale, Wes Craven ci aveva regalato qualcosa di veramente unico, i sequel hanno alti e bassi: alcuni mediocri (come il 2°) altri molto belli (come il 3° e il 5°). La realtà si mischia alla finzione in questa agghiacciante vicenda, ed è impossibile uscire dal vortice del paranormale. Freddy torna ad essere il mezzo, la pedina che Craven usa per spargere paura e paranoia, e il sorriso non è più sulle sue labbra, niente battute idiote, questa volta.
La prima cosa che viene in mente dopo la visione è questa: che Nightmare sta a Scream come Nightmare - Nuovo incubo sta a Scream 4. Il regista riprende in entrambi i casi le sue creature più celebri, le sue storie e si diverte a giocare con le loro regole in un frullato di meta-cinema. Le differenze però sono tante e fanno la differenza. Wes Craven riesce nell'intento approfondendo la psicologia dei personaggi e regalandoci alcune scene davvero stupende, auto-citazioni del maestro, che fa ripetere a questo demoniaco Freddy le famose scene del primo capitolo della saga. Il personaggio di Krueger muta totalmente: non è più il classico Freddy, ma una creatura diabolica, rappresentazione del Genio del Male; il Demonio insomma indossa i panni di Freddy Krueger, una creatura dai rimandi delle letture dei fratelli Grimm o Edgar Allan Poe. Non male poi il restante comparto tecnico: la fotografia di Mark Irwin, gli effetti speciali di William Mesa che ben funzionano con il trucco di David Brian Miller, la maligna colonna sonora di J. Peter Robinson, le suggestive scenografie di Cynthia Charette ed il montaggio di un certo Patrick Lussier funzionano ottimamente.
Questo settimo ed, escludendo "Freddy vs Jason", ultimo capitolo della serie è l'episodio dei (graditi) ritorni: dietro la cinepresa, infatti, di nuovo Wes Craven e nel cast ritroviamo dopo averla lasciata nel terzo sequel, Heather Langenkamp (sempre uno schianto) ed inoltre ancora l'immancabile Robert Englund (il quale, invece, non s'è mai privato del ruolo di Freddy Krueger), bravissimo anche questa volta in cui ha un doppio ruolo: quello di se stesso e quello di Krueger. Il resto del cast presta bene il suo supporto tra i quali John Saxon, lo stesso Craven, la biondissima Tracy Middendorf e forse l'elemento piu debole nel casting ovvero Miko Hughes.
Nonostante la netta sensazione di un'operazione non completamente riuscita, in definitiva "Nightmare 7" è un buon film: incubi della finzione e incubi "reali" si amalgamano bene e ritornano l'ossessione omicida, un sottile humour, e finalmente anche se per pochi minuti, la paura.

8 commenti:

  1. Film con una bellissima idea ma con un pessimo finale, se ricordo bene.

    RispondiElimina
  2. Io sto per fare un megarewatch Nightmariano come si deve.
    Questo me lo ricordo bene quando uscì, e fu salutato con gioia proprio per i sottintesi metacinematografici :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È sicuramente il migliore dopo il primo ed il terzo...proprio per il contesto metacinematografico in cui è stata proposta la storia..

      Elimina
  3. Ricordo di averlo visto la prima volta da ragazzina e di non averlo né capito né apprezzato. Per fortuna, poi, sono cresciuta ^__*

    RispondiElimina
  4. Me lo devo rivedere. Io non ne avevo un buon ricordo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miko Hughes è un problema ricordarlo bene in questo film..:)

      Elimina